top of page

Vicenza Italy / Italia

Italiano in ogni sezione


Gianni had a few weeks off from the hospital therefore we decided to visit the city of Vicenza in the province of Vicenza and the region of Veneto.  They were having a Classic Car Show which we easily ordered tickets for and booked a hotel next to the Fiera (convention center).  Thanks to social media we connected with Loris, Alessia, Amalia, Renato and Doloris, friends we know from Prossenicco and were able to have a nice visit with them as well.

 

The city of Vicenza is 39 m above sea level and has a surface of 80.57 km² with a population of about 111,000 people.  It is the capital of the province of Vicenza, which has a surface area of 2,722.53 km² and has 862,000 inhabitants.  Scholars believe the first settlers were Ancient Venetians who had given the name of Berga to the city around the 6th century BC.  It wasn’t until the 11th century we start seeing the name Vicencia which now is Vicenza.

 

Never enslaved, the people of the region obtained Roman Citizenship in 49 BC, however in the Middle Ages, Benedictine monks claimed the territory.  In 1211, when the city was under the Scaligeri family, they constructed the 14th century walls and minted the only city currency, the silver aquiline.  Between 1404 and 1797 it became part of the Serenissima Venetian Republic (Republic of Venice) and the city prospered in economy and arts. 

 

Renaissance architect Andrea Palladio moved from Padua to Vicenza around 1540 and because of his unique style was quickly hired by many noble families to build their palaces and villas.  Among the main works are Palladian Basilica, Olympic Theatre, Palazzo Chiericati and Villa Capra knows as the Rotonda.  Because Palladio beautified the landscape with his architecture, the whole city of Vicenza became a World Heritage Site by UNESCO in 1994. 

 

After 1797 until 1866, Vicenza was ruled by many different countries, but in 1866 it became part of the Kingdom of Italy and was bombed in both the 1st and 2nd World War.  Even though it has had some tough times, as many other cities in Italy, it has now become a beautiful city full of history, architecture, traditions and culture. 

 

Gianni aveva qualche settimana di pausa dall'ospedale, quindi abbiamo deciso di visitare la città di Vicenza in provincia di Vicenza e la regione Veneto.  Stavano organizzando un Classic Car Show per il quale abbiamo facilmente ordinato i biglietti e prenotato un hotel vicino alla Fiera.  Grazie ai social ci siamo messi in contatto con Loris, Alessia, Amalia, Renato e Doloris, amici che conosciamo da Prossenicco e abbiamo potuto fare una bella visita anche con loro.

 

La città di Vicenza si trova a 39 m sul livello del mare e ha una superficie di 80,57 km² con una popolazione di circa 111.000 persone.  È il capoluogo della provincia di Vicenza, che ha una superficie di 2.722,53 km² e conta 862.000 abitanti.  Gli studiosi ritengono che i primi coloni fossero gli antichi veneziani che avevano dato il nome di Berga alla città intorno al VI secolo a.C.  Fu solo nell'XI secolo che si iniziò a vedere il nome Vicencia, che oggi è Vicenza.

 

Mai schiavizzati, gli abitanti della regione ottennero la cittadinanza romana nel 49 a.C., tuttavia nel Medioevo i monaci benedettini ne rivendicarono il territorio.  Nel 1211, quando la città era sotto la famiglia degli Scaligeri, costruirono le mura del XIV secolo e coniarono l'unica moneta cittadina, l'aquilino d'argento.  Tra il 1404 e il 1797 entrò a far parte della Serenissima Repubblica di Venezia e la città prosperò nell'economia e nelle arti. 

 

L'architetto rinascimentale Andrea Palladio si trasferì da Padova a Vicenza intorno al 1540 e, grazie al suo stile unico, fu rapidamente ingaggiato da molte famiglie nobili per costruire i loro palazzi e ville.  Tra le opere principali ci sono la Basilica Palladiana, il Teatro Olimpico, Palazzo Chiericati e Villa Capra detta la Rotonda.  Poiché Palladio ha abbellito il paesaggio con la sua architettura, l'intera città di Vicenza è diventata Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO nel 1994. 

 

Dal 1797 fino al 1866, Vicenza fu governata da molti paesi diversi, ma nel 1866 entrò a far parte del Regno d'Italia e fu bombardata sia nella 1° che nella 2° Guerra Mondiale.  Anche se ha attraversato momenti difficili, come molte altre città d'Italia, ora è diventata una bellissima città ricca di storia, architettura, tradizioni e cultura. 


Piazza dei Signori


Loris and the family picked us up at the hotel and drove us to the historic center of Vicenza.  There we walked to the main square, Piazza dei Signori.  Originally it had a Roman forum and was the marketplace of the people and dates back to the 13th century.  Now it is a mix of business and pleasure.

 

Our first stop was the Palladian Basilica, which the name makes you think it was a church, however, not the case.  Palladio gave it the name “basilica” as prior to the 16th century it meant meeting room or civil service.  The building was built mid-1400s, combined two previous buildings and originally named Palazzo della Regione (Region Palace).  The building now hosts events and exhibitions.  

 

Built in Gothic style, the upper floor is occupied by an enormous hall without intermediate supports.  The inverted ships hull roof is covered with copper plates inspired by the palazzo in Padua.  The façade was made with red and yellow marble from Verona and is still visible behind Palladian’s addition. Due to instability of the construction, the south-west corner collapsed and for over 40 years there was much debate on how to fix the issues. 

 

In 1546, the city commissioned 38-year-old local architect Andrea Palladio to build a wooden model of what the restoration would look like and in 1549 his project was approved.  His design was an elastic structure which took into consideration the previous buildings.  It is based on serlian system (structure composed of arch, with 2 rectangular lateral openings of variable width to absorb the differences in width of the spans).  The loggias on both the bottom and top floor are beautiful outdoor corridors that give the building a WOW factor.  This grandiose work, made it that Palladio was never looking for work.  He was commissioned for many building in Vicenza by all the affluent.

 

On the left side is the Bissara tower, also know as Piazza tower and dates back to 1174 when the Bissari family built it.  It was purchased by the city by 1229 and in the middle of the 15th century it was raised to its current height of 82 meters, the tallest building in the city.   At the time relics of saints and five bells were placed inside.  The tower was bombed in 1945 along with the basilica and in the following years rebuilt with controversy as the shape was different than the original tower and the bells were not all relocated. 

 

In 2002, a major renovation took place to fix its structure due to underground water, the dial on the clock was painted cobalt blue (the original colour), the moon phase sphere was repositioned as were the bells.  Two of the bells were original and three were added.  The bells ring on the hour, half hour and ninth hour but also can be heard playing a melody composed by Maestro Pierangelo Valtinoni which plays at seven minutes before mid-day and seven minutes before 6pm.

 

What is amazing about the basilica and tower is you can go up to the second-floor open gallery, which is open all year long, and see amazing views of the city and Monte Berico.  La Terrazza Della Basilica has a rooftop bar service on Friday to Sunday evening. Here you can enjoy a cocktail and incredible views as the sun sets. 

 

Across from the Palladian Basilica is Palace of Captaincy (Palazzo del Capitaniato), another masterpiece from Palladio.  The city of Vicenza asked him to build it for the capitanio (captain), the representative of the Republic of Venice in 1565.  It replaced the previous one the captain was living in.  This building was supposed to have seven spans but ended up only having three.  Like many other Venetian buildings, it was never finished.  It was finally restored in 2008 to coincide with the 500th anniversary of Palladio which added the loggia and façade. 

 

A little further in Monte di Pieta Palace the church of San Vincenzo overlooks Piazza dei Signori, across from the Palladian Basilica.  Its construction started in the 14th century with expansions to the 18th century.  It is the only Catholic church in Vicenza that celebrates mass in Latin once a week.  It is dedicated to San Vincenzo of Saragossa, who is the patron saint of the city.  History states that after Christian martyr Vincenzo of Saragossa was killed in 304 during the persecution of Christians under Roman Emperor Diocletian, his cult rapidly spread throughout Europe.  In 1617 the façade was completed with loggias with a stunning sculpture of Christ with angels and statues on top of Saints Vincenzo, Carpoforo, Leonzio, Felice and Fortunato.  These masterpieces were all created by Giovanni Battista Albanese.

 

In the center of Piazza dei Signori are two very tall columns. This reflects the format of the Venetian squares where they are mostly rectangular in shape and at one end houses two columns or pillars.  In the 15th century, it was customary to sculpt enormous sculptures that would be placed on monolithic shafts.  These columns had a purpose; the one on the left had to house the statue of the lion of Saint Mark, as a reminder of four centuries of Venetian domination, while the one on the right housed the patron saint of the city.  However in Vicenza, it isn’t the patron saint Vincenzo on the column but instead the Redeemer.

 

Because the column and statue of Saint Mark were so big, it took 26 years to place the lion on the column in 1473.  This lion was removed and torn into pieces when Vicenza Leonardo Trissino in June 1509 captured the city and placed a double-headed eagle on the column.   This didn’t last long as in November of 1509; the Venetians took control again and a new lion was placed on the column in 1520.  In 1797 the city was taken over by the French who dismantled the lion and placed it in the courtyard of the Olympic Theatre.  With its tail missing and part of the legs, the Austrians relocated the lion back onto the column in 1863, where it now watches the city.

 

Since the first lion column, a second smaller column was laying waiting to be placed next to Saint Mark.  However, it in the quarry for almost two centuries an it wasn’t until 1625 when mayor Giorgio Emo, saw the forgotten column, that decided to finish it.  But as they tried to move it, it fell into pieces and Emo ordered a second one to be carved, this time the same size as the column already in the square.  But since 200 years had passed, Saint Vincenzo was already placed on the church of Saint Vincenzo therefore it was decided to add Christ the Redeemer on the second column.


Loris e la famiglia sono venuti a prenderci in hotel e ci hanno accompagnato nel centro storico di Vicenza.  Lì abbiamo camminato fino alla piazza principale, Piazza dei Signori.  In origine aveva un foro romano ed era il mercato del popolo e risale al 13 ° secolo.  Ora è un mix di lavoro e piacere.

 

La nostra prima tappa è stata la Basilica Palladiana, che il nome fa pensare fosse una chiesa, ma non è così.  Palladio le diede il nome di "basilica" in quanto prima del XVI secolo significava sala riunioni o servizio civile.  L'edificio fu costruito a metà del 1400, accorpò due edifici precedenti e originariamente si chiamava Palazzo della Regione.  L'edificio oggi ospita eventi e mostre.  

 

Costruito in stile gotico, il piano superiore è occupato da un'enorme sala senza sostegni intermedi.  Il tetto a scafo delle navi rovesciate è rivestito con lastre di rame ispirate al palazzo di Padova.  La facciata fu realizzata con marmi rossi e gialli di Verona ed è ancora visibile dietro l'aggiunta palladiana. A causa dell'instabilità della costruzione, l'angolo sud-ovest è crollato e per oltre 40 anni c'è stato molto dibattito su come risolvere i problemi. 

 

Nel 1546, la città commissionò all'architetto locale Andrea Palladio, 38 anni, di costruire un modello in legno di come sarebbe il restauro e nel 1549 il suo progetto fu approvato.  Il suo progetto era una struttura elastica che prendeva in considerazione gli edifici precedenti.  Si basa sul sistema serliano (struttura composta da arco, con 2 aperture laterali rettangolari di larghezza variabile per assorbire le differenze di larghezza delle campate).  Le logge sia al piano inferiore che a quello superiore sono bellissimi corridoi esterni che conferiscono all'edificio un fattore WOW.  Quest'opera grandiosa, fece sì che Palladio non cercasse mai lavoro.  Riceveve commissioni per molti edifici a Vicenza da tutti i benestanti.

 

Sul lato sinistro si trova la torre Bissara, conosciuta anche come torre Piazza e risale al 1174 quando la famiglia Bissari la costruì.  Fu acquistato dalla città nel 1229 e a metà del XV secolo fu innalzato all'altezza attuale di 82 metri, l'edificio più alto della città.   All'epoca furono collocate al suo interno reliquie di santi e cinque campane.  La torre fu bombardata nel 1945 insieme alla basilica e negli anni successivi ricostruita con polemiche in quanto la forma era diversa da quella della torre originale e le campane non furono tutte ricollocate. 

 

Nel 2002 è stata effettuata un'importante ristrutturazione per sistemare la sua struttura a causa dell'acqua sotterranea, il quadrante dell'orologio è stato dipinto di blu cobalto (il colore originale), la sfera delle fasi lunari è stata riposizionata così come le campane.  Due delle campane erano originali e tre sono state aggiunte.  Le campane suonano all'ora, alla mezz'ora e all'ora nona, ma si può anche ascoltare una melodia composta dal Maestro Pierangelo Valtinoni che suona sette minuti prima di mezzogiorno e sette minuti prima delle 18.

 

La cosa sorprendente della basilica e della torre è che si può salire fino alla galleria aperta al secondo piano, aperta tutto l'anno, e vedere una vista mozzafiato sulla città e sul Monte Berico.  La Terrazza Della Basilica ha un servizio bar sul tetto dal venerdì alla domenica sera. Qui potrete gustare un cocktail e una vista incredibile mentre il sole tramonta. 

 

Di fronte alla Basilica Palladiana si trova il Palazzo del Capitaniato, un altro capolavoro del Palladio.  La città di Vicenza gli chiese di costruirla per il capitanio, rappresentante della Repubblica di Venezia nel 1565.  Ha sostituito il precedente in cui viveva il capitano.  Questo edificio avrebbe dovuto avere sette campate, ma finì per averne solo tre.  Come molti altri edifici veneziani, non fu mai terminato.  È stato infine restaurato nel 2008 in concomitanza con i 500 anni del Palladio che ha aggiunto la loggia e la facciata. 

 

Poco più avanti, nel Palazzo Monte di Pietà, la chiesa di San Vincenzo si affaccia su Piazza dei Signori, di fronte alla Basilica Palladiana.  La sua costruzione iniziò nel XIV secolo con espansioni fino al XVIII secolo.  È l'unica chiesa cattolica di Vicenza che celebra la messa in latino una volta alla settimana.  E' dedicata a San Vincenzo di Saragozza, patrono della città.  La storia afferma che dopo che il martire cristiano Vincenzo di Saragozza fu ucciso nel 304 durante la persecuzione dei cristiani sotto l'imperatore romano Diocleziano, il suo culto si diffuse rapidamente in tutta Europa.  Nel 1617 la facciata fu completata con logge con una splendida scultura di Cristo con angeli e statue in cima ai Santi Vincenzo, Carpoforo, Leonzio, Felice e Fortunato.  Questi capolavori sono stati tutti creati da Giovanni Battista Albanese.

 

Al centro di Piazza dei Signori si trovano due colonne molto alte. Questo riflette il formato delle piazze veneziane dove sono per lo più di forma rettangolare e ad un'estremità ospitano due colonne o pilastri.  Nel XV secolo era consuetudine scolpire enormi sculture che venivano collocate su fusti monolitici.  Queste colonne avevano uno scopo; quella di sinistra doveva ospitare la statua del leone di San Marco, a ricordo di quattro secoli di dominazione veneziana, mentre quella di destra ospitava il santo patrono della città.  A Vicenza, invece, non è il patrono Vincenzo sulla colonna, ma il Redentore.

 

Poiché la colonna e la statua di San Marco erano così grandi, ci vollero 26 anni per posizionare il leone sulla colonna nel 1473.  Questo leone fu rimosso e fatto a pezzi quando il vicentino Leonardo Trissino nel giugno del 1509 conquistò la città e pose un'aquila bicipite sulla colonna.   Questo non durò a lungo come nel novembre del 1509; i veneziani ripresero il controllo e un nuovo leone fu posto sulla colonna nel 1520.  Nel 1797 la città fu conquistata dai francesi che smantellarono il leone e lo collocarono nel cortile del Teatro Olimpico.  Con la coda mancante e parte delle zampe, gli austriaci ricollocarono il leone sulla colonna nel 1863, dove ora sorveglia la città.

 

Dopo la prima colonna di leoni, una seconda colonna più piccola giaceva in attesa di essere collocata accanto a San Marco.  Tuttavia, rimase nella cava per quasi due secoli e fu solo nel 1625, quando il sindaco Giorgio Emo, vedendo la colonna dimenticata, che decise di terminarla.  Ma mentre cercavano di spostarlo, cadde in pezzi ed Emo ordinò che ne fosse scolpito un secondo, questa volta delle stesse dimensioni della colonna già presente nella piazza.  Ma essendo passati 200 anni, San Vincenzo era già collocato sulla chiesa di San Vincenzo, quindi si decise di aggiungere il Cristo Redentore sulla seconda colonna.


Here is a TikTok video and photos of Piazza dei Signori - Ecco un video di TikTok e foto di Piazza dei Signori


Piazza dei Signori


Palladian Basilica - Basilica Palladiana


View from Palladian Basilica - Vista da Basilica Palladiana


Bissara Tower - Torre Bissari


Palace of Captaincy and Saint Vincent Church - Palazzo del Capitaniato e chiesa San Vincenzo


Two Columns - Due Colonne




Olympic Theater – Teatro Olimpico

 

The Olympic Theater (Teatro Olimpico) is another masterpiece designed by Andrea Palladio.  It is the first and oldest stable covered theater in the modern area.  The construction began in 1580 the same year of Palladio’s death and was inaugurated in 1585.  It was built in a pre-existing medieval complex and commissioned for staging comedies.  The wooden structures are the only ones from the Renaissance period still in excellent shape.

 

The theater was Palladio’s last work and considered his greatest design.  It was started by him but the work continued by his son Silla who used his father’s notes to complete the in 1584. However, Palladio didn’t leave the project for the prospective scenes, therefore Vincenzo Scamozzi was brought in and he designed the wooden scenes with amazing prospective illusionism. 

 

The inside of the theater has 95 statues made of stucco or stone and represent the characters linked to the foundation of the Olympic Acadamy.  It is constructed as a Roman theater with archaeological precision. The theater is still used for classical performances and concerts which are preformed mainly in the spring and autumn.  It has never been equipped with heating or air conditioning system for fear it may damage the delicate structures and it seats a capacity of 470 seats.

 

Il Teatro Olimpico è un altro capolavoro progettato da Andrea Palladio.  E' il primo e più antico teatro coperto stabile dell'area moderna.  La costruzione iniziò nel 1580, lo stesso anno della morte di Palladio, e fu inaugurata nel 1585.  Fu costruito in un preesistente complesso medievale e commissionato per la messa in scena di commedie.  Le strutture lignee sono le uniche del periodo rinascimentale ancora in ottime condizioni.

 

Il teatro fu l'ultima opera di Palladio e considerato il suo più grande progetto.  Fu iniziata da lui, ma l'opera continuò dal figlio Silla che, utilizzando gli appunti del padre, la completò nel 1584. Tuttavia, Palladio non abbandonò il progetto per le scene prospettiche, quindi fu coinvolto Vincenzo Scamozzi che progettò le scene lignee con sorprendente illusionismo prospettico. 

 

L'interno del teatro presenta 95 statue realizzate in stucco o pietra e rappresentano i personaggi legati alla fondazione dell'Acadammia Olimpica.  È costruito come un teatro romano con precisione archeologica. Il teatro è ancora utilizzato per spettacoli classici e concerti che si svolgono principalmente in primavera e in autunno.  Non è mai stata dotata di impianto di riscaldamento o aria condizionata per timore che possa danneggiare le delicate strutture e ha una capienza di 470 posti.


Here is a TikTok video and photos of the Olympic Theater - Ecco un video TikTok e foto del Teatro Olimpico





 

 

Recent Posts

See All

Comments


bottom of page