top of page

Bologna Catholic Institutes - Istituti Cattolici di Bologna

Italiano in ogni sezione

 

Gianni and I spent a night in Bologna and we should have spent two.  There is so much to see in this beautiful city that one night wasn’t enough.  You can read more about Bologna in my Bologna Piazza Maggiore Blog.

 

In this blog I’m going to provide information on three catholic institutes we had the pleasure of visiting while we were in Bologna.  Two were in the heart of the city of Bologna and one was high above where we could Bologna below.  All were beautiful in their own way and a must see if you are in Bologna. They are:

 

Bologna Cathedral (Il Duomo di Bologna) is dedicated to Saint Peter and is the seat to the Archbishop of Bologna.  The first church which some scholars hypothesize served as a cathedral was located outside the city walls and dates back to the 4th century, however it was destroyed by fire in 906.  Parts of the new cathedral was built within the walls between 6th and 11th century. Again, a fire in 1141 destroyed the whole complex and it required to be rebuilt.

 

In 1184, Pope Lucius III, consecrated the new cathedral which was built in brick in the typical Lombard-Emilian Romanesque style.  It included a tripartite façade with its three naves with arches and pillars and the bell tower was raised to 40 m.  With several earthquakes and other issues, the cathedral changed significantly over the years.  The current Gothic style appearance dates back to the rebuild of 1605 and the façade is Baroque with red bricks and marble decorations. 

 

The current bell tower is about 70 m (230 ft) and houses the largest bell that can be played “Bolognese style” called “the grandmother” weighing 33 quintals (7300 pounds).  With three other bells the total weight is 65 quintals (14330 pounds).  When all four bells are rung for special occasions 23 bell ringers are required.  Otherwise on regular services a team of 11 is required to ring the bells.

 

The interior is divided into three naves and is very bright because of seven large windows.  The beautiful floor was installed in 1905 and on each side of main door sit two ancient fountain-bearing lions that hold the holy water.  There are five side chapels on each side in the nave and the main alter made of marble has a cedar crucifix that dates back to the 12th century.  A major renovation was being done to the main alter when we visited. 

 

Io e Gianni abbiamo passato una notte a Bologna e avremmo dovuto passarne due.  C'è così tanto da vedere in questa bellissima città che una notte non è stata sufficiente.  Puoi leggere di più su Bologna nel mio blog Bologna Piazza Maggiore.

 

In questo blog vi darò informazioni su tre istituti cattolici che abbiamo avuto il piacere di visitare mentre eravamo a Bologna.  Due erano nel cuore della città di Bologna e uno era in alto sopra dove potevamo Bologna sotto.  Tutti erano belli a modo loro e assolutamente da vedere se siete a Bologna. Sono:

 

Il Duomo di Bologna è dedicato a San Pietro ed è la sede dell'Arcivescovo di Bologna.  La prima chiesa che alcuni studiosi ipotizzano servisse da cattedrale si trovava fuori dalle mura della città e risale al IV secolo, ma fu distrutta da un incendio nel 906.  Parti della nuova cattedrale furono costruite all'interno delle mura tra il VI e l'XI secolo. Ancora una volta, un incendio nel 1141 distrusse l'intero complesso e dovette essere ricostruito.

 

Nel 1184, papa Lucio III, consacrò la nuova cattedrale che fu costruita in mattoni nel tipico stile romanico lombardo-emiliano.  Comprendeva una facciata tripartita con le sue tre navate con archi e pilastri e il campanile fu innalzato a 40 m.  Con diversi terremoti e altri problemi, la cattedrale è cambiata in modo significativo nel corso degli anni.  L'attuale aspetto in stile gotico risale alla ricostruzione del 1605 e la facciata è barocca con mattoni rossi e decorazioni in marmo.           

 

L'attuale campanile è alto circa 70 m e ospita la campana più grande che si possa suonare "alla bolognese" detta "la nonna" del peso di 33 quintali.  Con altre tre campane il peso totale è di 65 quintali.  Quando tutte e quattro le campane vengono suonate per le occasioni speciali, sono necessari 23 campanari.  In caso contrario, durante i servizi regolari è necessaria una squadra di 11 persone per suonare le campane.

 

L'interno è diviso in tre navate ed è molto luminoso per via di sette grandi finestre.  Il bellissimo pavimento è stato installato nel 1905 e su ciascun lato della porta principale si trovano due antichi leoni che reggono l'acqua santa.  Ci sono cinque cappelle laterali su ogni lato della navata e l'altare principale in marmo ha un crocifisso in cedro che risale al XII secolo.  Una ristrutturazione importante è stata fatta all'altare principale quando abbiamo visitato. 

 

Here is a TikTok video and photos of Saint Peter Cathedral - Ecco un video TikTok e le foto della Cattedrale di San Pietro



 

Saint Stephen Basilica - Basilica di Santo Stefano

To get to Saint Stephen Basilica you pass the two towers and walk through Piazza Santo Stefano also called “Piazza delle Sette Chiese”.  The piazza (square) is actually triangular in shape and widens at Via San Stefano.  In fact, there is no Piazza Santo Stefano in the city directory.  This square is often used for cultural events and concerts and is surrounded by important buildings.

Saint Stephen Basilica is also known as the Seven Churches (Sette Chiese) and Holy Jerusalem (Santa Gerusalemme).  During the 5th century, Saint Petronius, bishop of the city built the basilica over the ruins of the temple of goddess Isis.  His intention was to build it as a simulacrum of the Church of the Holy Sepulchre in Jerusalem, and to this day is one of the most interesting buildings in Bologna.  The parts of the basilica complex in existence today are:

The oldest part of the complex is the Church of Saints Vitals and Agricola which is dedicated to these two martyrs from Bologna that were persecuted by Roman Emperor Diocletian in 305.  Agricola was a Christian citizen who converted his slave Vitals into Christianity.  Vitals was the first to be executed at the amphitheatre.  The authorities then tortured Agricola to make him give up his religion, but that failed so they crucified him.   Their remains were found in 393 in a Jewish cemetery by Saint Ambrose and sent to a church in Milano, they were then transferred under the alter of The Holy Crucifix church by Abbot Martino in 1019.

Church of Holy Sepulchre dates back to the 5th century and was built by Saint Petronius.  This was rebuilt in the 11th century as it was heavily damaged by the Hungarian Invasion.  It is built as an irregular octagonal base with a dodecagonal dome.  Inside there are 12 columns of marble and brick and in the center, there is the shrine to Saint Petronius and houses his relics.

Church of Saint Stephen (Basilica) or also called The Holy Crucifix dates back to 8th century.  It has a single nave with marble stairs going up to the presbytery and under the presbytery are the crypts with the remains of Saints Vitals and Agricola.  At the center is a Crucifix dating back to 1380 and the work of Simone dei Crocifissi.

Courtyard of Pilate is a Romanesque style courtyard bordered on both sides with porticoes and cruciform columns.  It was named to commemorate the place where Pontius Pilot tried Jesus.  In the middle there is a limestone basin that dates back to 737 resting on a pedestal which was built in 16th century in the middle of the courtyard. It is called Pilate’s Bowl, which is documented that it is the bowl where Pilate washed his hands.

Church of the Trinity or of the Martyrium originally built with five naves in front of Pilate’s Courtyard was left unfinished in the 13th century. It saw many changes throughout the years, becoming a baptistery and subsequently rebuilt in 1924.  It is believed to have been built over a Christian cemetery.  There is a beautiful pavement and five wooden human-sized statues of Adoration of the Magi in a glass case that date back to the 12th century. 

Per arrivare alla Basilica di Santo Stefano si superano le due torri e si percorre Piazza Santo Stefano, detta anche "Piazza delle Sette Chiese".  La piazza è in realtà di forma triangolare e si allarga in via San Stefano.  Non c'è infatti Piazza Santo Stefano nell'elenco della città.  Questa piazza è spesso utilizzata per eventi culturali e concerti ed è circondata da importanti edifici.

La Basilica di Santo Stefano è conosciuta anche come le Sette Chiese e Santa Gerusalemme.  Nel corso del V secolo, San Petronio, vescovo della città, costruì la basilica sulle rovine del tempio della dea Iside.  La sua intenzione era quella di costruirla come simulacro della Chiesa del Santo Sepolcro di Gerusalemme, e ancora oggi è uno degli edifici più interessanti di Bologna.  Le parti del complesso basilicale oggi esistenti sono:

La parte più antica del complesso è la Chiesa dei Santi Vitale e Agricola, dedicata ai due martiri bolognesi perseguitati dall'imperatore romano Diocleziano nel 305.  Agricola era un cittadino cristiano che convertì il suo schiavo Vitals al cristianesimo.  Vitals fu il primo ad essere giustiziato nell'anfiteatro.  Le autorità allora torturarono Agricola per costringerlo a rinunciare alla sua religione, ma non ci riuscirono e lo crocifissero.   I loro resti furono ritrovati nel 393 in un cimitero ebraico da Sant'Ambrogio e inviati in una chiesa di Milano, furono poi trasferiti sotto l'altare della chiesa del Santissimo Crocifisso dall'abate Martino nel 1019.

La Chiesa del Santo Sepolcro risale al V secolo e fu costruita da San Petronio.  Questo fu ricostruito nell'XI secolo in quanto fu pesantemente danneggiato dall'invasione ungherese.  È costruita come una base ottagonale irregolare con una cupola dodecagonale.  All'interno ci sono 12 colonne di marmo e mattoni e al centro, c'è il santuario di San Petronio e custodisce le sue reliquie.

La Chiesa di Santo Stefano (Basilica) o anche chiamata Il Santissimo Crocifisso risale all'VIII secolo.  Ha un'unica navata con scale marmoree che salgono al presbiterio e sotto il presbiterio si trovano le cripte con le spoglie dei Santi Vitals e Agricola.  Al centro si trova un Crocifisso risalente al 1380 e opera di Simone dei Crocifissi.

Il Cortile di Pilato è un cortile in stile romanico delimitato su entrambi i lati da portici e colonne cruciformi.  È stato chiamato così per commemorare il luogo in cui Ponzio Pilota processò Gesù.  Al centro c'è una vasca in pietra calcarea che risale al 737 che poggia su un piedistallo che fu costruito nel 16 ° secolo al centro del cortile. Si chiama Ciotola di Pilato, ed è documentato che è la ciotola in cui Pilato si lavò le mani.

La Chiesa della Trinità o del Martyrium, originariamente costruita a cinque navate di fronte al cortile di Pilato, fu lasciata incompiuta nel XIII secolo. Ha visto molti cambiamenti nel corso degli anni, diventando un battistero e successivamente ricostruito nel 1924.  Si ritiene che sia stato costruito su un cimitero cristiano.  C'è un bellissimo pavimento e cinque statue in legno a grandezza umana dell'Adorazione dei Magi in una teca di vetro che risalgono al XII secolo. 


Layout of basilica courtesy of - Planimetria della basilica per gentile concessione di

By M.Violante - Own work, CC BY 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=2049579


Here is a TikTok video and photos of Saint Steven Basilica - Ecco un video TikTok e le foto della Basilica di San Stefano




Madonna of San Luca and its Sanctuary and Basilica – Basilica della Madonna di San Luca e il suo Santuario.


We drove through Porta Saragozza, to the top of the Guardia hill 289 meters above sea level to the Madonna of San Luca and its Sanctuary and Basilica.  The basilica is dedicated to the Catholic Marian cult and is an important sanctuary in the history of the city.  The Icon (a sacred representation painted on wood by Byzantine and Slavic Christian culture) of the Madonna of San Luca arrived in Bologna around the 13th century by a pious pilgrim, and the influential leaders gave it to the nuns from a convent on Guardia Hill. 

The nuns decorated the Icon with jewels and flowers and became a place for people to worship and honor the Madonna and Child.  Many sources claim the origin of the sanctuary dates from a request from Angelica Bonfantini, a Bolognese woman from a good standing family.  She asked Pope Celestine III to build a place of worship on the hill of La Guardia. In 1193, the Pope sent the first stone to be placed in the new building, to the bishop in Bologna and thus on May 25, 1194, Bishop Gerardo Gisla laid the cornerstone on behalf of the Pope.

Angelica went through many disputes with the clergy of Santa Maria in Reno, regarding the interpretation of the deed of donation of 1192.  When Pope Innocent III was elected, he confirmed papal protection and resolved the dispute and by 1206 the church and the lands were given to Angelica.  When she died in 1244, Cardinal Ottaviano Ubaldini entrusted the management of the church to Augustinian nuns from the hermitage of Ronzano.  In Jan of 1258 they got the exemption of the church of Santa Maria del Monte della Guardia from the control of the Bishop of Bologna.

Over the years the building went through many renovations and additions. The current building was built while the old building was in place and didn’t interfere with the pilgrims that were coming to the old building to worship.  The old building was demolished only after the new one was fully built. In 1765, after 42 years of work, the new sanctuary was inaugurated by Cardinal Archbishop Vincenzo Malvezzi.  By 1799, Napoleonic laws abolished the Dominican monastery and the nuns had to abandon it.  In 1824 it was subjected directly to the archbishop and since then been managed by diocesan priests. 

In 1874 the monument was declared a national monument and given the dignity of minor basilica by Pope X in 1907.  Between 1930 – 1994 there was an active female orphanage which was housed beneath the sanctuary but then moved to the new building along the portico.  It had a cable car system that was able to bring people to the sanctuary but it was decommissioned in 1976.

The exterior is of Baroque style with a huge elliptical dome with a large dome with lantern in the center which houses an observatory at a height of 42 m (137 ft).  There are two statures of St. Luke and St. Mark that dominate the façade. The bell tower was finished in 1616 and was equipped with a new large bell in 1893.  The interior features an elliptical plan ending in a Greek cross, with seven chapels and an elegant dome. It is rich in marble, canvases and paintings of great value. 

The portico begun in 1674 was completed in 1739.  It has 666 arches, 15 small chapels referencing the Mysteries of the Rosary and winds upwards 1800 metres and on level ground 1500 metres for a total route of 3,796 metres.  In 2021 the portico of San Luca was included in UNESCO among the porticoes of Bologna and recognized as a World Heritage Site.  According to tradition, it would not be a coincidence that it is composed (according to a certain count) of 666 arches: the diabolical number would symbolize the "serpent", i.e. the Demon, associated with the portico both for its zigzag shape and because, ending at the foot of the sanctuary, it recalls the traditional iconography of the Devil defeated and crushed by the Madonna under her heel.

Attraversiamo Porta Saragozza, fino alla cima del colle della Guardia a 289 metri sul livello del mare per visitare La Basilica della Madonna di San Luca e il suo Santuario.  La basilica è dedicata al culto mariano cattolico ed è un santuario importante nella storia della città.  L'Icona (rappresentazione sacra dipinta su tavola dalla cultura cristiana bizantina e slava) della Madonna di San Luca giunse a Bologna intorno al XIII secolo da un pio pellegrino, e i capi influenti la donarono alle monache da un convento sul colle della Guardia. 

Le suore decorarono l'icona con gioielli e fiori e divennero un luogo in cui le persone adoravano e onoravano la Madonna col Bambino.  Molte fonti sostengono che l'origine del santuario risalga a una richiesta di Angelica Bonfantini, una donna bolognese di buona famiglia.  Chiese a papa Celestino III di costruire un luogo di culto sulla collina della Guardia. Nel 1193 il Papa inviò la prima pietra da collocare nel nuovo edificio al vescovo di Bologna e così il 25 maggio 1194 il vescovo Gerardo Gisla pose la prima pietra per conto del Papa.

Angelica attraversò molte controversie con il clero di Santa Maria in Reno, in merito all'interpretazione dell'atto di donazione del 1192.  Quando papa Innocenzo III fu eletto, confermò la protezione papale e risolse la disputa e nel 1206 la chiesa e le terre furono date ad Angelica.  Alla sua morte, nel 1244, il cardinale Ottaviano Ubaldini affidò la gestione della chiesa alle monache agostiniane dell'eremo di Ronzano.  Nel gennaio del 1258 ottennero l'esenzione della chiesa di Santa Maria del Monte della Guardia dal controllo del Vescovo di Bologna.

Nel corso degli anni l'edificio ha subito molte ristrutturazioni e aggiunte. L'edificio attuale è stato costruito mentre il vecchio edificio era in funzione e non interferiva con i pellegrini che si recavano al vecchio edificio per pregare.  Il vecchio edificio è stato demolito solo dopo che quello nuovo è stato completamente costruito. Nel 1765, dopo 42 anni di lavori, il nuovo santuario fu inaugurato dal cardinale arcivescovo Vincenzo Malvezzi.  Nel 1799 le leggi napoleoniche abolirono il convento domenicano e le monache dovettero abbandonarlo.  Nel 1824 fu sottoposta direttamente all'arcivescovo e da allora fu gestita da sacerdoti diocesani. 

Nel 1874 il monumento fu dichiarato monumento nazionale e nel 1907 papa X gli conferì la dignità di basilica minore.  Tra il 1930 e il 1994 c'era un orfanotrofio femminile attivo che era ospitato sotto il santuario, ma poi si trasferì nel nuovo edificio lungo il portico.  Aveva un sistema di funivia che era in grado di portare le persone al santuario, ma è stato dismesso nel 1976.

L'esterno è in stile barocco con un'enorme cupola ellittica con al centro una grande cupola con lanterna che ospita un osservatorio ad un'altezza di 42 m.  Due sono le statue di San Luca e San Marco che dominano la facciata. Il campanile fu terminato nel 1616 e fu dotato di una nuova grande campana nel 1893.  L'interno è a pianta ellittica terminante a croce greca, con sette cappelle e un'elegante cupola. E' ricca di marmi, tele e dipinti di grande pregio. 

Il portico, iniziato nel 1674, fu completato nel 1739.  Ha 666 arcate, 15 piccole cappelle che fanno riferimento ai Misteri del Rosario e si snoda verso l'alto per 1800 metri e in piano per 1500 metri per un percorso totale di 3.796 metri.  Nel 2021 il portico di San Luca è stato inserito nell'Unesco tra i portici di Bologna e riconosciuto Patrimonio dell'Umanità.  Secondo la tradizione, non sarebbe un caso che sia composto (secondo un certo conteggio) da 666 arcate:  il numero diabolico simboleggierebbe il "serpente", cioè  il Demone,  associato al portico sia per la sua forma a zig-zag sia perché, terminando ai piedi del santuario, richiama l'iconografia tradizionale del Diavolo sconfitto e schiacciato dalla Madonna sotto il suo tallone.


Here is a TikTok video and photos of Madonna of San Luca Basilica - Ecco un video TikTok e le foto della Basilica della Madonna di San Luca


Outside of the Basilica - Fuori della Basilica


Inside the Basilica - All'interno della Basilica


Recent Posts

See All

Comments


bottom of page