top of page

Happy Halloween - Felice Halloween

Traduzione italiana dopo ogni sezione – Italian translation after each section


Halloween in Italy:

As we are in Italy for Halloween, I thought I’d let you know what happens here as well as tell you about the history of this spooky holiday at home in Canada. Plus, some tips to keep your kids safe when they go out trick-or-treating.


Halloween isn’t yet celebrated in Italy the way it is at home, but it is starting to catch on. We have seen Halloween decorations in stores as well as costumes, pumpkin carving kits, face paintings and fake blood. Kinder the Ferraro Chocolate specifically targeted to children have a wonderful website for Italians that hosts a quiz on Halloween and activities for their parties.

While there might not be an official celebration for Halloween here kids love the idea of “Dolcetto o Scherzetto” = “Trick or Treat”. Going door to door isn’t something done in the smaller towns but I’ve heard in communities in bigger cities like Milan or Rome, they are starting to catch on. Or they are held more like a carnival style where a location is used to put up decorations and promote children getting dressed up.



Halloween in Italia:

Dato che siamo in Italia per Halloween, ho pensato di farvi sapere cosa succede qui e raccontarvi la storia di questa festa spettrale a casa in Canada. Inoltre, alcuni suggerimenti per proteggere i tuoi figli quando escono dolcetto o scherzetto.


Halloween non è ancora celebrato in Italia come lo è a casa, ma sta iniziando a prendere piede. Abbiamo visto decorazioni di Halloween nei negozi, così come costumi, kit di intaglio della zucca, truccabimbi e sangue finto. Kinder il Cioccolato Ferraro specificamente rivolto ai bambini ha un meraviglioso sito web per gli italiani che ospita un quiz su Halloween e attività per le loro feste.


Mentre potrebbe non esserci una celebrazione ufficiale per Halloween, qui i bambini adorano l'idea di "Dolcetto o Scherzetto". Andare porta a porta non è qualcosa che si fa nelle città più piccole, ma ho sentito che nelle comunità di città più grandi come Milano o Roma, stanno iniziando a prendere piede. Oppure sono tenuti più come uno stile carnevalesco in cui un luogo viene utilizzato per mettere decorazioni e promuovere i bambini che si vestono.


Here are some photo’s I took around town of some Halloween sites. Ecco alcune foto che ho scattato in giro per la città di alcuni siti di Halloween:



History of Halloween:


Halloween’s origins date back to the ancient Celtic festival of Samhain (pronounced sow-in). 2,000 years ago, the Celts who mostly lived in now Ireland, United Kingdom and northern France celebrated their new year on November 1st. This day marked the end of summer and the harvest and the beginning of the dark, cold winter, and back then a time of year often associated with human death.


Celts believed the night before the new year; the worlds of the living and the dead became blurred. Therefore, on the night of October 31st they celebrated Samhain, when it is believed the ghosts of the dead returned to earth. They also believed the ghosts damaged crops and the Druid’s (Celtic priests) got insights from these spirits about the future.


To commemorate the event, Druids built huge sacred bonfires. People gathered in costumes, typically consisting of animal heads and skins and attempted to tell each other’s fortunes. They also burned crops and animals as sacrifices to the Celtic deities (Gods). They would then take remnants from the sacred bonfire and re-lit their home hearth fires to protect them during the winter.


By the 9th century, Christianity spread into the Celtic lands, and gradually blended and supplanted the older Celtic rites. The church was believed to replace the Celtic festival of the dead with church sanctioned All Saints’ Day on November 1st (also known as All-hallows) and All Souls Day, to honour the dead, on November 2nd. (Both of these are celebrated in Italy, with November 1st being a national holiday.) This was also celebrated with bonfires but added parades and dressing up in costumes of saints, angels and devils. With this influence the traditional night of Samhain in the Celtic religion, began to be called All-Hallows Eve, and eventually, Halloween.


Colonists in the southern United States and Catholic colonists in Maryland recognized All Hallows Eve in their church calendars in late 18th century but it wasn’t until the mass Irish and Scottish immigration in the 19th century that Halloween became a major holiday. As the beliefs and customs of different ethnic groups meshed, a distinctly American version of Halloween began to emerge.


By the 1920’s Americans began to dress up in costumes and play pranks which became the activity of choice for rowdy young people. The Great Depression exacerbated the problem and mischief brought violence. It is believed that the excessive pranks on Halloween led to the widespread adoption of an organized, community-based trick-or-treating tradition in the 1930’s.


This was abruptly curtailed with the outbreak of World War II, where sugar rationing meant there were few treats to be had. Post war, trick-or-treating reclaimed its place among other Halloween customs. With no more sugar rationing, candy companies capitalized on the lucrative ritual, launching national advertising campaigns specifically aimed at Halloween.



Storia di Halloween:


Le origini di Halloween risalgono all'antica festa celtica di Samhain (pronunciato sow-in). 2.000 anni fa, i Celti che vivevano principalmente in Irlanda, Regno Unito e Francia settentrionale celebravano il loro nuovo anno il 1° novembre. Questo giorno segnava la fine dell'estate e il raccolto e l'inizio dell'inverno buio e freddo, e allora un periodo dell'anno spesso associato alla morte umana.


I Celti credevano la notte prima del nuovo anno; I mondi dei vivi e dei morti divennero sfocati. Pertanto, la notte del 31 ottobre hanno celebrato Samhain, quando si ritiene che i fantasmi dei morti siano tornati sulla terra. Credevano anche che i fantasmi danneggiassero i raccolti e che i Druidi (sacerdoti celtici) ricevessero intuizioni da questi spiriti sul futuro.


Per commemorare l'evento, i Druidi costruirono enormi falò sacri. Le persone si riunivano in costumi, tipicamente costituiti da teste e pelli di animali e tentavano di raccontarsi le fortune l'un l'altro. Bruciavano anche raccolti e animali come sacrifici alle divinità celtiche (dei). Avrebbero poi preso i resti del sacro falò e riacceso i fuochi del focolare domestico per proteggerli durante l'inverno.


Nel 9° secolo, il cristianesimo si diffuse nelle terre celtiche e gradualmente si fuse e soppiantò i riti celtici più antichi. Si credeva che la chiesa sostituisse la festa celtica dei morti con il giorno di Ognissanti sancito dalla chiesa il 1° novembre e il giorno di tutti i morti, per onorare i morti, il 2 novembre. (Entrambi sono celebrati in Italia, con il 1 ° novembre st essendo una festa nazionale.) Anche questo è stato celebrato con falò, ma ha aggiunto sfilate e vestiti con costumi di santi, angeli e diavoli. Con questa influenza la tradizionale notte di Samhain nella religione celtica, cominciò ad essere chiamata Vigilia di All-Hallows e, infine, Halloween.


I coloni negli Stati Uniti meridionali e i coloni cattolici nel Maryland riconobbero All Hallows Eve nei loro calendari ecclesiastici alla fine del 18 ° secolo, ma non fu fino all'immigrazione di massa irlandese e scozzese nel 19° secolo che Halloween divenne una festa importante. Mentre le credenze e le usanze di diversi gruppi etnici si intrecciavano, una versione distintamente americana di Halloween cominciò ad emergere.


Dal 1920 gli americani iniziarono a vestirsi in costumi e fare scherzi che divennero l'attività preferita dai giovani chiassosi. La Grande Depressione ha esacerbato il problema e i dispetti hanno portato violenza. Si ritiene che gli scherzi eccessivi di Halloween abbiano portato all'adozione diffusa di una tradizione organizzata e basata sulla comunità dolcetto o scherzetto nel 1930.


Questo fu bruscamente ridotto con lo scoppio della seconda guerra mondiale, dove il razionamento dello zucchero significava che c'erano poche prelibatezze da avere. Dopo la guerra, dolcetto o scherzetto ha reclamato il suo posto tra le altre usanze di Halloween. Senza più razionamento dello zucchero, le aziende produttrici di caramelle hanno capitalizzato sul rituale redditizio, lanciando campagne pubblicitarie nazionali specificamente mirate ad Halloween.



Fun facts about Halloween:

  • Candy corn was originally called Chicken Feed

  • Halloween folklore is full of fortune-telling and magic

  • In Canada, if you see a spider on Halloween, it is believed it means a loved one who has passed away is watching over you

  • After arriving in America, Irish immigrants discovered pumpkins were much easier to carve than turnips

  • The iconic UNICEF orange coin collection boxes were part of Canada’s trick-or-treat history, until 2006 when they moved to an online donation system. Canadians donated an average of $3 million every Halloween to the orange box campaigns

  • 44% of Canadians say Halloween is their favourite holiday

  • In 2018, Canadians spent $613 million on Halloween candy

Curiosità su Halloween:

  • Il mais caramellato era originariamente chiamato mangime per polli

  • Il folklore diHalloween è pieno di predizione e magia

  • In Canada, se vedi un ragno ad Halloween, si ritiene che significhi che una persona cara che è morta sta vegliando su di te

  • Dopo essere arrivati in America, gli immigrati irlandesi scoprirono che le zucche erano molto più facili da intagliare rispetto alle rape.

  • Le iconiche scatole di raccolta di monete arancioni dell'UNICEF facevano parte della storia del dolcetto o scherzetto del Canada, fino al 2006, quando sono passati a un sistema di donazione online. I canadesi hanno donato una media di 3 milioni di dollari ogni Halloween alle campagne della scatola arancione

  • Il 44% dei canadesi afferma che Halloween è la loro festa preferita

  • Nel 2018, i canadesi hanno speso 613 milioni di dollari in caramelle di Halloween

Safety first:

Here are some tips and tricks for being extra safe this Halloween:


  • Don’t use masks as they make it hard for kids to see what’s around them, instead try hypoallergenic, non-toxic make-up kits

  • Costumes should be of light-coloured material or have reflective tape on back and front so that drivers can easily see your child

  • Costumes should fit just right to prevent falling

  • Make sure your kids wear comfortable shoes so they can easily walk

  • If it is cold or rainy, make sure to dress your child in layers

  • Put your child’s name and phone number somewhere within their costume, just in case they get lost from the pack

  • Carry a white bag or pillow case for candy

  • Children under 10 should be accompanied by an adult for trick-or-treating

  • For children over 10 make sure they are in groups of more than 3, have flashlights, and set a curfew of when they are required to be home. A cell phone is a good idea.

  • Don’t go to houses that are not well lit and never go inside a stranger’s house

  • Use sidewalk, don’t walk on the road

  • Check all candies before children eat any of them

  • Remove all make-up before child goes to bed to prevent irritation


La Sicurezza Prima Di Tutto:

Ecco alcuni suggerimenti e trucchi per essere più sicuri questo Halloween in Canada:


  • Non usare maschere perché rendono difficile per i bambini vedere cosa c'è intorno a loro, prova invece kit di trucco ipoallergenici e non tossici

  • I costumi devono essere di materiale di colore chiaro o avere nastro riflettente sul retro e sul davanti in modo che i conducenti possano vedere facilmente il bambino

  • I costumi dovrebbero adattarsi perfettamente per evitare di cadere

  • Assicurati che i tuoi figli indossino scarpe comode in modo che possano camminare facilmente

  • Se fa freddo o piove, assicurati di vestire il tuo bambino a strati

  • Metti il nome e il numero di telefono di tuo figlio da qualche parte all'interno del costume, nel caso in cui si perdano dal branco

  • Porta una borsa o federa bianca per caramelle

  • I bambini sotto i 10 anni devono essere accompagnati da un adulto per dolcetto o scherzetto

  • Per i bambini sopra i 10 anni assicurarsi che siano in gruppi di più di 3, avere torce elettriche e impostare un coprifuoco di quando sono tenuti a essere a casa. Un telefono cellulare è una buona idea.

  • Non andare in case che non sono ben illuminate e non entrare mai in casa di uno sconosciuto

  • Usa il marciapiede, non camminare sulla strada

  • Controlla tutte le caramelle prima che i bambini ne mangino una qualsiasi

  • Rimuovere tutto il trucco prima che il bambino vada a letto per evitare irritazioni

Comments


bottom of page