top of page

Reflections of Times Gone by - Prossenicco

Updated: Aug 22, 2022


Per L'Italiano scorri verso il basso fino vedi l'italiano


My parents and family are from small town Castelsilano in Calabria and when I was young I loved going there to visit my nonna Maria who I'm named after. But after she passed in 1982, I've only gone back once, on our honeymoon. It was tough to go back and not have her there to greet me the way she would and therefore nothing has pulled me back.


During our honeymoon we also went to Gianni's region Friuli-Venezia-Giulia and I got to meet his family and friends and I was instantly in love with how they welcomed me and the serenity of the area. Therefore we can't go to Europe without a quick stop there.


Gianni was born in Switzerland as mom worked there. Circumstances were tough and they went back to Udine where mom was able to work in a restaurant and Gianni went to school there. Gianni's nonno (grandfather) and zia (aunt) lived in Prossenicco which back then was a vibrant little town on top of the mountain. He went to school in Udine but on weekends and holidays he spent his time in Prossenicco and absolutely loved life, even though he didn't have much.


Today Prossenicco has less than 40 full-time residents and is still as rustic as the 1200s when we first see villa de Porsinico listed as a locality under the dependence of the Gastaldia di Tricesimo. As I walk through the town, I can't help but wonder how it survived what mother nature has thrown at it. Avalanches, landslides, floods and earthquakes over the years has ravaged it but it truly is amazing how there is still vibrancy in the town.


Getting to Prossenicco isn't fun for anyone that gets car sick. I have had many issues with my stomach but have found travel bands really help and this time around with Gianni driving a little slower I didn't have any issues. You can buy these at any drugstore and I suggest if you do get motion sick or car sick, try them out.


Here is a video at different parts of the 17 km drive through very and I mean very winding roads. Sometimes there are no barriers and if you were to go to fast you may go over the cliff. But once up in Prossenicco you are transported back in time and have the opportunity to reflect on what we take for granted in our modern world.



Views of driving up to Prossenicco


As all other times our first stop is the cemetery to visit and place fresh artificial flowers (I know how can they be fresh) at mom's, nonno's and zia's graves. This time we found a landslide has destroyed part of the mountain opposite the cemetery. Which makes you wonder, how stable is the mountain?


Once we placed the new flowers we walked through the small cemetery and can see years of history in the tombstones that date back to 1860. What gets me every time is that there are four "Maria Scuor" that lay to rest here and believe me, it's weird to see your name on a tombstone. But here is where the "Scuor" name started and therefore there are many tombstones with this name.



What is very heartwarming is that a few passionate residents opened up the Agriturismo Brez Mej, where people come from all regions to have authentic meals, drinks and purchase products made from their farms or region. They also have rooms you can rent and during the summer the town is full of tourists and people that live and work in the flats but have homes in Prossenicco and take refuge from the heat on weekends and holidays. It truly is a place that welcomes you and makes you feel like family.



There are many activities such as hikes of different lengths and difficulties, bike riding - both geared and electric (they even have an electric bike charging station), and if you come during the summer; there is sure to be a festa (party) of some kind.



Today we spent time with family, had an amazing meal that started with an appetizer of salamis and cheeses, asparagus lasagna, spatzle and the traditional frico and polenta, and of course homemade wine. We were stuffed to the brim.



As I walked back to the car to get my jacket, I reflected that today, May 22nd, was Gianni and my 41st anniversary of the day we meet and we have had some wonderful memories. I thought about the family and friends of Prossenicco he brought into my world and and how they have a life of simplicity but with what they have they live life well. I think about Gianni and what he went through as a little boy and how lucky he was that zia and zio brought him to Canada after the Friuli Earthquake in 1976.


Things happen for a reason and you live and grow from the experiences you have throughout your life. I'm so thankful that we live in a country that gave us opportunity to work hard but play harder, for having friends that have been there for us and continue to be, for being raised by parents that loved us and gave the best life they could, for family that we spend as much time as we can with and mostly for Angela, Ian, Brody, Blake, Steven, Sarah, Weston, Jameson, Crystal and Chris who are our whole world.


Our life is about cherishing every moment and my hope is that when the day comes that the "Maria Scuor" tombstone is mine, I will be remembered as someone that lived life and made a difference in the lives I've touched. Yes today's mindful moment is a little deep, but sometimes the past allows us to reflect on what we want in the DISTANT future.


Remember it's the cherished memories that people remember, not the things....LIVE LIFE WELL ALWAYS!


Some pictures of this amazing little town which has captured my heart



In Italiano - Scusa si ci sono errori


I miei genitori e la mia famiglia sono del un piccolo paese Castelsilano in Calabria e quando ero giovane amavo andarci a trovare mia nonna Maria da cui ho preso il nome. Ma dopo la sua morte nel 1982, ci sono tornato solo una volta, in luna di miele. È stata dura tornare indietro e non averla lì a salutarmi come avrebbe sempre fatto e quindi nulla mi ha tirato indietro.


Durante la nostra luna di miele siamo stati anche nel Friuli-Venezia-Giulia, la regione di Gianni, e ho conosciuto la sua famiglia e i suoi amici. Mi sono subito innamorato di come mi hanno accolto e della serenità della zona. Quindi non possiamo andare in Europa senza una breve sosta lì.


Gianni è nato in Svizzera dove la mamma lavorava. Le circostanze erano dure e tornarono a Udine dove mamma lavorava in un ristorante e Gianni andava a scuola. Il nonno e la zia di Gianni vivevano a Prossenicco in quei tempi era una cittadina vivace in cima alla montagna. Gianni andava a scuola a Udine ma nei fine settimana e nei giorni festivi passava il tempo a Prossenicco e amava moltissimo la vita, anche se non aveva molto.


Oggi Prossenicco ha meno di 40 residenti a tempo pieno ed è ancora rustica come nel 1200. Mentre cammino per paese, mi chiedo come sia sopravvissuta a valanghe, smottamenti, inondazioni e terremoti. È davvero incredibile come ci sia ancora vivacità nel paese.


Arrivare a Prossenicco non è divertente per chi si ammala d'auto. Io ho avuto molti problemi con lo stomaco, ma ho scoperto che le fasce da viaggio aiutano davvero e questa volta con Gianni che guida un po' più lentamente non ho avuto problemi. Puoi acquistarli in qualsiasi farmacia e ti suggerisco se hai il mal d'auto o il mal d'auto, provali.


Ecco un video in diverse parti della guida di 17 km attraverso strade molto tortuose. A volte non ci sono barriere e se vai veloce potresti andare oltre la scogliera. Una volta arrivati ​​a Prossenicco verrete trasportati indietro nel tempo e ha l'opportunità di riflettere su ciò che diamo per scontato nel nostro mondo moderno.


Viste di guida fino a Prossenicco



Come tutte le altre volte la nostra prima tappa è il cimitero per visitare e posizionare fiori artificiali freschi (so come possono essere freschi) sulle tombe di mamma, nonno e zia. Questa volta abbiamo scoperto che una frana ha distrutto parte della montagna di fronte al cimitero. Ti fa pensare, quanto è stabile la montagna?


Una volta posizionati i nuovi fiori, abbiamo attraversato il piccolo cimitero e possiamo vedere anni di storia nelle lapidi che risalgono al 1860. Quello che mi colpisce ogni volta è che ci sono quattro lapidi con nome "Maria Scuor" che riposano qui.È strano vedere il tuo nome su una lapide. Ma qui è dove è iniziato il nome "Scuor" e quindi ci sono molte lapidi con questo nome.


Ciò che è molto commovente è che alcuni residenti appassionati hanno aperto l'Agriturismo Brez Mej, dove persone provenienti da tutte le regioni vengono per consumare pasti, bevande e acquistare autentici prodotti delle loro fattorie o della loro regione. Hanno anche stanze che si possono affittare e durante l'estate il paese è pieno di turisti e persone che vivono e lavorano giù per la montagna ma tornano nei fine settimana e nei giorni festivi per allontanarti dal caldo. È davvero un luogo che ti accoglie e ti fa sentire come in famiglia.



Ci sono molte attività come escursioni di diverse lunghezze e difficoltà, passeggiate in bicicletta - sia con cambio che elettriche (hanno anche una stazione di ricarica biciclette elettriche) e se venite durante l'estate; ci sarà sicuramente una festa di qualche tipo.



Oggi abbiamo trascorso del tempo con la famiglia, abbiamo fatto un pasto fantastico che è iniziato con un antipasto di salumi e formaggi, lasagne agli asparagi, spatzle e il tradizionale frico e polenta, e ovviamente vino fatto in casa. Eravamo farciti fino all'orlo.



Mentre tornavo a macchina per prendere la mia giacca, ho riflettuto sul fatto che oggi 22 maggio è il 41° anniversario del giorno che io e Gianni ci siamo incontrati e abbiamo avuto dei ricordi meravigliosi. Ho pensato alla famiglia e agli amici che lui ha portato nel mio mondo ea come hanno una vita di semplicità e vivono bene la vita. Penso a Gianni e a quello che ha passato da ragazzino e a quanto sia stato fortunato che zia e zio lo abbiano portato in Canada dopo il terremoto in Friuli del 1976.


Le cose succedono per una ragione e vivi e cresci dalle esperienze che hai durante la tua vita. Sono così grato che viviamo in un paese che ci ha dato l'opportunità di lavorare, per avere amici che sono stati lì per noi e continuano ad esserlo, per essere stati cresciuti da genitori che ci hanno amato e hanno dato la vita migliore possibile, per la famiglia con cui trascorriamo più tempo possibile e soprattutto per Angela, Ian, Brody, Blake, Steven, Sarah, Weston, Jameson, Crystal e Chris che sono tutto la nostra vita.


La nostra vita consiste nell'amare ogni momento e la mia speranza è che quando arriverà il giorno in cui la lapide "Maria Scuor" sarà mia, sarò ricordato come qualcuno che ha vissuto la vita e ha fatto la differenza nelle vite che ho toccato. Sì, il momento consapevole di oggi è un po' profondo, ma a volte il passato ci permette di riflettere su ciò che vogliamo in futuro distante.


Ricorda che sono i ricordi più cari che le persone ricordano, non le cose che lasciamo....VIVI SEMPRE BENE LA VITA!


Foto del paese che ha catturata il mio cuore


Recent Posts

See All

Comments


bottom of page