top of page

Grand Hotel Des Iles Borromees

Italiano sotto ogni sezione

Incredible photos and video at end of blog - Foto e video incredibili alla fine del blog


We had the pleasure of taking Giorgio and his family to Stresa this past weekend and it reminded me I had many photos and video of this grandiose hotel on Lago Maggiore that when you walk by you can’t help but be awe-struck. I needed to understand if it ties back to the Milan branch of the Borromeo Family which history shows is legendary in Stresa and Arona.


On the Terra Borromeo website, it states the first Lazzaro, presumed the first of the lineage, went to Rome around the 1300 to complete a pilgrimage to mark the Holy Year. When he returned, he was given the nickname “Bon Romeo” meaning good pilgrim who has been to Rome. The family name is said to derive from this nickname.


That is the legend, but history shows the Borromeo family came from the town San Miniato al Tedesco, which they abandoned following a revolt against the city of Florence in 1370. The family was forced to disperse in different Italian cities, dividing into many branches. The siblings Andrea, Borromeo, Alessandro, Giovanni and Margherita went to Padova.


Borromeo Borromei moved to Milano and Margherita later married the powerful Giacomo Vitaliani. By the 1430s the family’s fortunes improved and in 1439 Vitaliano I, because of his services, was given Arona and then purchased vast properties around Lago Maggiore including the Rocca di Angera.


He also occupied key positions in the Milanese courts of the Visconti and was the Treasurer General of the Duchy, supplier to the army, exclusive licence-holder for the transportation of salt from Genoa to Milan, and supported Duke Filippo Maria Visconti economically, obtaining land and privileges in exchange. All his children married leading members of Milanese noble families, which integrated the family nicely into the Lombard political society.


Between the 16th and 17th centuries, the Borromeos became one of the most important families of Milanese duchy, because of Archbishops Carlo and Federico Borromeo of Milan. Carlo was the nephew of Pope Pius IV Medici and renounced part of his family’s property and spent it on the poor. He was declared a Saint in 1610. The cousin of San Carlo, Archbishop Federico, left the Biblioteca e Pinacoteca Ambrosiana, a cultural legacy which opened in 1609 and is still in operation in Milan.


In 1583, Renato I, regained possession of the island on Lago Maggiore and on the largest of the three built a palace with terraced garden. In 18th century this island changed its name to Isola Madre, to recall that it was the first island to be inhabited by the Borromeos. Renato’s son Carlo III Borromeo, inherited Isola Inferiore. At the time it was a rock with a little church, some gardens and fishermen’s houses. Around 1630 Carlo III had architect Giovanni Angelo Crivelli design the Baroque Terraced Gardens. He renamed this Isola Bella, in honour of his wife Isabela d’Adda. It wasn’t until 1650 that Carlo’s son Vitaliano VI Borromeo, created the grandiose Baroque gardens and added the majestic Palace which gave Isola Bella its incredible form.


This incredible family was able to establish, maintain and increase its prestige over the centuries. Many branches of the Borromeo family have given the history books illustrious personalities and an artistic and documentary heritage of international significance. The Terre Borromeo, is the brand behind the family’s distant past that we enjoy today. Isola Bella, Isola Madre, Isola dei Pescatori, Rocca di Angera, Parco Pallavicino, Parco del Mottarone, and Castelli di Cannero which is currently being restored are all beautifully kept for visitors to enjoy.


Abbiamo avuto il piacere di portare Giorgio e la famiglia a Stresa lo weekend scorso e mi ha ricordato che avevo molte foto e video di questo grandioso hotel sul Lago Maggiore che quando passi non puoi fare a meno di essere colpito. Avevo bisogno di capire se si ricollega al ramo milanese della Famiglia Borromeo che la storia dimostra essere leggendario a Stresa e Arona.


Sulla sito di Terra Borromeo, si afferma che il primo Lazzaro, presunto il primo della stirpe, si recò a Roma intorno al 1300 per compiere un pellegrinaggio in occasione dell'Anno Santo. Al suo ritorno, gli fu dato il soprannome di "Bon Romeo" che significa buon pellegrino che è stato a Roma. Si dice che il nome della famiglia derivi da questo soprannome.


Questa è la leggenda, ma la storia dimostra che la famiglia Borromeo proveniva dalla città di San Miniato al Tedesco, che abbandonarono in seguito a una rivolta contro la città di Firenze nel 1370. La famiglia fu costretta a disperdersi in diverse città italiane, dividendosi in molti rami. I fratelli Andrea, Borromeo, Alessandro, Giovanni e Margherita andarono a Padova.


Borromeo Borromei si trasferì a Milano e Margherita in seguito sposò il potente Giacomo Vitaliani. Negli anni 1430 le fortune della famiglia migliorarono e nel 1439 Vitaliano I, grazie ai suoi servizi, ha ricevuto Arona e poi acquistò vaste proprietà intorno al Lago Maggiore e anche la Rocca di Angera.


Occupò anche posizioni chiave nelle corti milanesi dei Visconti e fu Tesoriere Generale del Ducato, fornitore dell'esercito, licenziatario esclusivo per il trasporto del sale da Genova a Milano, e sostenne economicamente il duca Filippo Maria Visconti, ottenendo in cambio terre e privilegi. Tutti i suoi figli sposarono dentro di famiglie nobili milanesi, che integrarono bene la famiglia nella società politica lombarda.


Tra il 16 ° e il 17 ° secolo, i Borromeo divennero una delle famiglie più importanti del ducato milanese, a causa degli arcivescovi Carlo e Federico Borromeo di Milano. Carlo era nipote di Papa Pio IV Medici e rinunciò a parte dei beni della sua famiglia e li spese per i poveri. Fu dichiarato santo nel 1610. Il cugino di San Carlo, l'arcivescovo Federico, lasciò la Biblioteca e Pinacoteca Ambrosiana, eredità culturale aperta nel 1609 e tuttora in funzione a Milano.


Nel 1583, Renato I, rientrò in possesso dell'isola sul Lago Maggiore e sulla più grande delle tre costruì un palazzo con giardino terrazzato. Nel 18 ° secolo quest'isola cambiò il suo nome in Isola Madre, per ricordare che fu la prima isola ad essere abitata dai Borromeo. Il figlio di Renato, Carlo III Borromeo, ereditò l'Isola Inferiore. All'epoca era una roccia con una chiesetta, alcuni giardini e case di pescatori. Intorno al 1630 Carlo III fece progettare all'architetto Giovanni Angelo Crivelli i giardini terrazzati barocchi. La ribattezzò Isola Bella, in onore della moglie Isabela d'Adda. Fu solo nel 1650 che il figlio di Carlo, Vitaliano VI Borromeo, creò i grandiosi giardini barocchi e aggiunse il maestoso Palazzo che diede all'Isola Bella la sua incredibile forma.


Questa incredibile famiglia ha saputo stabilire, mantenere e accrescere il suo prestigio nel corso dei secoli. Molti rami della famiglia Borromeo hanno conferito ai libri di storia personaggi illustri e un patrimonio artistico e documentario di rilevanza internazionale. Il Terre Borromeo, è il marchio dietro il lontano passato della famiglia che godiamo oggi. Isola Bella, Isola Madre, Isola dei Pescatori, Rocca di Angera, Parco Pallavicino, Parco del Mottarone e Castelli di Cannero che è attualmente in fase di restauro sono tutti ben tenuti per i visitatori.

Ecco l'albero genealogico dei Borromeo come mostrato sul sito


Here is the Borromeo Family tree as shown on the website - Ecco l'albero genealogico dei Borromeo come riportato sul sito



Now back to the hotel (and thankful for the archives of the hotel), in 1859, the “Omarini Freres” five brothers: Carlo, Giovanni, Antonio, Luigi and Giuseppe who had mastered the art of the hospitality industry as they had worked the most prestigious hotels in Europe and were managing the “Delfino Hotel” on Isola Bella had an idea about the Stresa shores.


By the spring of 1860, they decided to build one large building in front of the island which would offer an incredible view. By October, they purchased the land facing Isola Bella and set up Unione dei Grandi Albergi (Grand Hotels Union). With the original investment of 1,200,000 lire and shareholders from Switzerland, in 1861 they began digging the foundations with the designs of architect Antonio Polli. This was the same year of the Proclamation of Italy.


The work continued with the brothers being on site to make sure everything got done in a timely manner and on March 21,1863 the Grand Hotel et des Iles Borromees began to host its first guests. It was reported that more than 700 guests were there on opening day, which the building housed 128 rooms furnished in grandiose style, and the grounds a vast park, coach and banking service. It became the place for banquets, teas, dances, meetings, gatherings, and concert.


Over the years the hotel had many upgrades and new wings added. With the addition of the Sempione Railway Tunnel, it made it possible for the Orient-Express to stop in Stresa therefore bringing more prestigious clients and therefore in 1911/1912 in just 96 days, three floors were added to accommodate the growth in business.


The hotel was a family business for almost 50 years when Giuseppe and Luigi started to sell off shares in 1907 to "Società Anonima Unione dei Grandi Alberghi" and in 1923 was absorbed by the Compagnia Italian Large Hotels (CIGA) of Venice.


During the World War I, the hotel became refuge for those privileged to escape the war and after the war the guests kept coming. Even Ernest Hemingway stayed at the hotel to recover from war wounds and set part of his novel “A Farewell to Arms” and the name of Grand Hotel des Iles Borromees became famous all over the world.


During World War II the hotel was occupied by German then American troops and became a military hospital but after the war it quickly regained its touristic flair. The hotel remained under the ownership of CIGA until 1990 when it got in serious difficulty due to corporate restructuring and was sold to SIALM, an Italian Society of Lake Maggiore Hotels. Who undertook a complete restoration of the property and added a wellness center.


When I started my research, I thought the hotel was part of the Borromeo’s family properties, but per the research, it was five brothers dream to have an amazing hotel on the shore of Stresa overlooking the grandeur of the Borromeo Islands. Pretty incredible story and transformation to what it is today.


The hotel has the charm and the atmosphere of its magical past with all the comforts and cutting-edge technologies that brings people from all over the world to enjoy it.

If you want to spend a night at the Grand Hotel des IIes Borromees during high season you are looking at 385 Euros for a garden view room to 4070 Euros per night for the most elegant Hemingway Suite. But if you want to come at low season, rooms would be between 225 to 3080 Euros per night. No prices yet for April 28th, but wouldn’t this be a magical place to spend our 40th anniversary!


Torniamo all'albergo (e grati per gli archivi dell'albergo), nel 1859, i cinque fratelli "Omarini Freres": Carlo, Giovanni, Antonio, Luigi e Giuseppe che avevano imparato l'arte dell'ospitalità in quanto avevano lavorato negli alberghi più prestigiosi d'Europa e gestivano l'"Hotel Delfino" sull'Isola Bella ebbero un'idea sulle rive di Stresa.


Nella primavera del 1860, hanno deciso di costruire un grande edificio di fronte all'isola che offrirebbe una vista incredibile. In ottobre hanno aquistato il terreno di fronte all'Isola Bella e creato l'Unione dei Grandi Albergi. Con l'investimento iniziale di 1.200.000 lire e soci svizzeri, nel 1861 hanno iniziato a scavare le fondamenta su progetto dell'architetto Antonio Polli. Era lo stesso anno della proclamazione dell'Italia.


Il lavoro continuò con i fratelli sul posto per assicurarsi che tutto fosse fatto in modo tempestivo e il 21 marzo 1863 il Grand Hotel et des Iles Borromees iniziò ad ospitare i suoi primi ospiti. È stato riferito che più di 700 ospiti erano lì il giorno dell'apertura, che l'edificio ospitava 128 camere arredate in stile grandioso, e un vasto parco, pullman e servizio bancario. Divenne il luogo per banchetti, tè, balli, incontri, riunioni e concerti.


Nel corso degli anni l'hotel ha avuto molti aggiornamenti e nuove ali aggiunte. Con l'aggiunta della Galleria Ferroviaria del Sempione, permise all'Orient-Express di fermarsi a Stresa portando così clienti più prestigiosi e quindi nel 1911/1912 in soli 96 giorni furono aggiunti tre piani per accogliere la crescita degli affari.


L'albergo fu un'azienda familiare per quasi 50 anni quando Giuseppe e Luigi iniziarono a vendere le quote nel 1907 alla "Società Anonima Unione dei Grandi Alberghi" e nel 1923 fu assorbito dalla Compagnia Italian Large Hotels (CIGA) di Venezia.


Durante la prima guerra mondiale, l'hotel divenne rifugio per coloro che avevano il privilegio di sfuggire alla guerra e dopo la guerra gli ospiti continuarono a venire. Anche Ernest Hemingway soggiornò in albergo per riprendersi dalle ferite di guerra e ambientò parte del suo libro "Addio alle armi" e il nome del Grand Hotel des Iles Borromees divenne famoso in tutto il mondo.


Durante la seconda guerra mondiale l'hotel fu occupato dalle truppe tedesche e poi americane e divenne un ospedale militare, ma dopo la guerra riacquistò rapidamente il suo fascino turistico. L'hotel rimase di proprietà della CIGA fino al 1990 quando si trovò in gravi difficoltà a causa di ristrutturazioni societarie e fu venduto alla SIALM, Società Italiana degli Alberghieri del Lago Maggiore. Che ha intrapreso un restauro completo della proprietà e ha aggiunto un centro benessere.


Quando ho iniziato la mia ricerca, pensavo che l'hotel facesse parte delle proprietà della famiglia Borromeo, ma secondo la ricerca, era il sogno di cinque fratelli avere un fantastico hotel sulla riva di Stresa che si affaccia sulla grandiosità delle Isole Borromee. Storia piuttosto incredibile e trasformazione in quello che è oggi.


L'hotel ha il fascino e l'atmosfera del suo magico passato con tutti i comfort e le tecnologie all'avanguardia che portano persone da tutto il mondo a goderne.


Se vuoi stare una notte al Grand Hotel des IIes Borromees durante l'alta stagione costa 385 euro per una camera vista giardino a 4070 euro a notte per la più elegante suite Hemingway. Ma se volete venire in bassa stagione, le camere sarebbero tra 225 e 3080 euro a notte. Non hanno prezzo per il 28 aprile, 2024, ma credo sarebbe un posto magico per trascorrere il nostro 40 ° anniversario!


Here is a TikTok video and photos of Grand Hotel del IIes Borromees - Ecco un video di TikTok e foto del Grand Hotel des IIes Borromees



Recent Posts

See All

Comments


bottom of page